Introduzione

Prodotti medicinali a base di erbe

I prodotti medicinali di origine vegetale sono ricavati da parti delle piante, come corteccia, foglie, radici o fiori, e contengono sostanze attive ottenute con procedure di estrazione, distillazione, frazionamento o purificazione.

Il fatto che siano dei prodotti di origine naturale non significa necessariamente che il loro uso sia privo di rischi: proprio come i farmaci convenzionali o di sintesi, provocano degli effetti sul corpo e possono essere dannosi se non utilizzati correttamente e con la stessa attenzione posta nell’impiego degli altri farmaci (leggi la Bufala).

Tuttavia, poiché è molto diffusa l’opinione che i prodotti cosiddetti naturali siano sostanzialmente innocui, le erbe medicinali e i loro derivati sono abitualmente utilizzati senza informarne il medico curante (automedicazione). Ciò, nel caso si stiano prendendo altri farmaci, accresce il rischio che possano verificarsi problemi dovuti a interazioni tra di essi e, comunque, aumenta la probabilità di possibili effetti collaterali come, ad esempio, reazioni allergiche, problemi gastrointestinali ed epatici, ecc.

Precauzioni nell'uso dei prodotti di origine vegetale

Nel consultare il medico o il farmacista per problemi di salute, o prima di sottoporsi a un intervento chirurgico, è importante fornire loro tutte le informazioni sui prodotti medicinali di origine vegetale che si stiano utilizzando.
Se si desidera usare dei prodotti a base di erbe medicinali, bisogna considerare che:

  • possono interagire con eventuali farmaci che si stanno già assumendo, potenziandone o riducendone gli effetti previsti, o provocando reazioni avverse
  • potrebbero determinare reazioni avverse o effetti indesiderati (effetti collaterali)
  • non tutti i prodotti a base di erbe medicinali sono egualmente regolamentati. Quelli commercializzati come integratori alimentari o quelli preparati in farmacia su prescrizione medica non hanno bisogno di un’autorizzazione preventiva (AIC), come accade, invece, per i medicinali di origine vegetale
  • le prove di efficacia dell’attività terapeutica dei prodotti a base di erbe medicinali sono generalmente molto limitate. Nella maggior parte dei casi gli effetti delle piante sulla salute si basano, infatti, sull’esperienza maturata attraverso il loro uso tradizionale piuttosto che sulla ricerca scientifica
  • determinati gruppi di persone dovrebbero evitare o essere particolarmente cauti nell’assumere prodotti a base di erbe medicinali. È necessario consultare il medico o il farmacista se:
    • si stanno assumendo altri farmaci
    • si hanno gravi condizioni di salute o particolari malattie in atto (per esempio l’ulcera peptica, l’ipertensione, l’insufficienza renale o epatica)
    • ci si deve sottoporre a un intervento chirurgico
    • si è in gravidanza o in allattamento
    • anziani
    • bambini

Prima di sottoporsi a un intervento chirurgico è importante informare il medico curante nel caso si stiano prendendo prodotti a base di erbe medicinali, poiché potrebbero interferire:

  • con l'anestesia e altri farmaci usati prima, durante o dopo la chirurgia
  • con la coagulazione e con la pressione del sangue, aumentando il rischio di sanguinamento durante o dopo la chirurgia

Il medico potrebbe, pertanto, consigliare di interrompere l'assunzione di qualsiasi prodotto a base di erba medicinale durante le settimane che precedono l'operazione.

Inoltre, il ricorso a rimedi naturali durante la gravidanza e l’allattamento per evitare farmaci di sintesi potrebbe essere molto rischioso poiché sono poco noti i potenziali effetti sul feto e sul bambino.

Infine, come per tutti i farmaci, i prodotti a base di erbe medicinali dovrebbero essere tenuti fuori dalla portata dei bambini.

Acquistare prodotti a base di erbe medicinali

Se si vuole provare un medicinale vegetale, è opportuno scegliere un farmaco che riporti la dicitura “medicinale vegetale tradizionale” o “fitoterapico tradizionale”. Ciò significa che è conforme agli standard di qualità relativi alla preparazione e alla sicurezza d’uso nelle condizioni per cui è indicato e che è efficace come risulta dall’esperienza e dall'impiego di lunga data. In esso sono ben riportate le indicazioni terapeutiche e le quantità da assumere.

Tuttavia, si dovrebbe essere consapevoli che:

  • i medicinali vegetali tradizionali sono indicati per quelle condizioni che non richiedono assistenza medica e possono essere auto-curate come tosse, raffreddori o malessere generale
  • utilizzare i medicinali vegetali tradizionali per malattie più gravi potrebbe essere dannoso, soprattutto se si ritarda la consultazione del medico
  • l’uso dei medicinali vegetali tradizionali si basa sulla consuetudine e non su prove di efficacia del prodotto
  • la dicitura ”medicinale vegetale tradizionale” non significa che il prodotto sia assolutamente sicuro per tutti

Prodotti medicinali vegetali tradizionali possono essere venduti in farmacia o nei corner farmaceutici dei supermercati.

Rischi dell’acquisto on-line o per posta

L'acquisto su internet di prodotti per la salute (siano essi farmaci convenzionali o prodotti di derivazione naturale) è senza alcuna garanzia per quanto riguarda l’efficacia e soprattutto i controlli di qualità. Il rischio di acquistare prodotti contraffatti, scadenti, non autorizzati o contaminati aumenta con l'acquisto di farmaci on-line o per corrispondenza.

I prodotti a base di piante acquistati on line, in generale, non sono sottoposti a autorizzazione e possono provenire da paesi esteri privi di una regolamentazione. Potrebbero essere copie di farmaci autorizzati ma essere prodotti in stabilimenti privi di licenza e senza controllo di qualità. Alcuni siti web potrebbero essere illegali, gestiti da falsi medici o farmacisti.

In particolare, i prodotti erboristici venduti on-line come integratori alimentari possono contenere ingredienti vietati e sostanze tossiche. Una lista delle piante che non sono ammesse negli integratori è riportata all'indirizzo web del Ministero della Salute (Estratti vegetali non ammessi negli integratori alimentari).
Prodotti dimagranti a base di erbe e prodotti per la salute sessuale, ad esempio, sono da evitare perché contengono componenti pericolosi (ingredienti vietati) compresi principi attivi farmaceutici non indicati sull'etichetta.

Segnalazione delle reazioni avverse

Talvolta, anche quando i prodotti a base di piante sono utilizzati con le modalità più opportune, possono comunque verificarsi una serie di reazioni indesiderate in relazione alla qualità del prodotto utilizzato, a residui di fitofarmaci, erbicidi, metalli pesanti, alla scarsa purezza degli estratti, alla variabilità dei principi attivi contenuti, ecc.

Per contribuire alla conoscenza dei potenziali rischi associati all'uso dei prodotti naturali, è attivo dal 2002 un sistema di sorveglianza delle reazioni avverse a questi prodotti, coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS) in accordo con l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e il Ministero della Salute.

Le segnalazioni, spontanee, possono essere effettuate da chiunque osservi una reazione indesiderata (reazione avversa) insorta dopo l’impiego di un prodotto utilizzato nella cosiddetta “medicina naturale”:

  • vitamine e minerali
  • integratori alimentari
  • prodotti erboristici
  • prodotti omeopatici
  • prodotti di origine esotica, come ad esempio quelli della medicina tradizionale cinese e ayurvedica
  • probiotici
  • altri prodotti, come per esempio gli aminoacidi

Le segnalazioni possono essere effettuate compilando e inviando via fax all'Istituto Superiore di Sanità (numero: 06-49904248) una scheda, appositamente messa a punto.
Non è necessario essere assolutamente certi che l’evento avverso sia riconducibile al prodotto a base di piante o erbe perché sarà un gruppo di esperti a valutarlo successivamente alla segnalazione.

1 1 1 1 1