Introduzione

Piramide alimentare

La piramide alimentare è un grafico ideato dal Dipartimento Statunitense dell'Agricoltura (USDA) nel 1992 per illustrare i consigli ed i suggerimenti che dovrebbero essere seguiti per mantenere un'alimentazione completa ed equilibrata. Deve essere interpretato come un insieme di indicazioni volte a organizzare la propria alimentazione e non va considerato come schema alimentare con finalità dimagranti.

La piramide è divisa orizzontalmente, dalla base verso il vertice, in diversi settori: ciascuno contiene vari tipi di alimenti e la dimensione del settore è indicativa della frequenza/quantità relativa con cui dovrebbero essere consumati per un'alimentazione completa ed equilibrata.

Alla base della piramide ci sono i cibi da consumare con maggiore frequenza e in quantità maggiore, al vertice della piramide quelli da assumere con moderazione. Nel tempo, si sono susseguite diverse versioni grafiche di piramide alimentare che hanno modificato la collocazione degli alimenti nei vari settori, e, di conseguenza, la loro frequenza di consumo. Ne sono un esempio la carne rossa, di cui è stato ridotto il consumo a non più di una volta a settimana.

La piramide alimentare italiana

Al fine di orientare la popolazione italiana verso comportamenti alimentari più salutari, il Ministero della Salute ha affidato ad un Gruppo di esperti (D.M. del 1.09.2003) il compito di elaborare un modello alimentare di riferimento che si concili sia con lo stile di vita attuale, sia con la tradizione alimentare del nostro Paese.

A tal proposito è stata elaborata, dall'Istituto di Scienza dell'Alimentazione dell'Università di Roma La Sapienza, la Piramide settimanale dello stile di vita italiano basata sulla definizione di Quantità Benessere (QB), vale a dire le quantità di cibo ma anche di attività fisica che andrebbero considerate per mantenere una condizione di benessere.

La piramide fornisce indicazioni sulle quantità di cibo da consumare scegliendo tra i vari gruppi di alimenti (le porzioni degli alimenti sono indicate in grammi). Le quantità sono adattate alle esigenze di ogni singolo individuo in base al suo dispendio energetico; cioè, all'attività fisica che svolge, intendendo con essa anche le camminate a passo veloce per almeno 30 minuti, anche non continuativi, da effettuare tutti i giorni. Lo scopo con cui è stata costruita la piramide è educare ad una alimentazione sana e ad una vita attiva per evitare sovrappeso e obesità.

Successivamente, è stata elaborata la piramide alimentare giornaliera, anch'essa articolata su diversi livelli in cui sono collocati i diversi gruppi di alimenti.

piramide

Per leggere ed interpretare in maniera corretta la piramide alimentare, bisogna partire dalla base, dove sono presentati i cibi da consumare ogni giorno, più volte al giorno: frutta e ortaggi, fondamentali per l'apporto di vitamine, sali minerali e fibra. Salendo di un livello, si trovano gli alimenti che sono principalmente fonte di carboidrati di cui si indica un consumo frequente: pane, pasta, cereali, importanti fonti di energia. Nei livelli superiori sono collocati i grassi da condimento (olio extravergine d'oliva e burro che, in quantità moderata, sono fondamentali per la salute), il latte e i suoi derivati, fondamentali, grazie al contenuto in calcio, per la crescita dell'osso e per la prevenzione delle sue malattie degenerative e poi gli alimenti che sono principalmente fonti di proteine (come carne, pesce, uova, legumi, formaggi), di cui è indicata una frequenza di consumo sempre minore man mano che si sale di livello. Infine, in cima alla piramide ci sono gli alimenti da consumare solo occasionalmente perché un loro consumo eccessivo può rappresentare una fonte di rischio per la salute: vino, birra, dolci.

Per avere una dieta equilibrata basta scegliere tra gli alimenti dei vari livelli della piramide, variandoli e consumando in quantità e frequenza maggiore quelli dei livelli più bassi.

Alcune versioni della piramide alimentare includono anche l'acqua e ne consigliano un consumo di almeno 6 bicchieri al giorno, circa 1,5 litri. L'acqua è il costituente essenziale dell'organismo umano ed è indispensabile per lo svolgimento di tutti i processi fisiologici e delle reazioni biochimiche.  

Per una visione più completa sono state elaborate anche delle versioni di piramide alimentare settimanali/mensili, che riportano le frequenze per i diversi gruppi alimentari consigliate dalle Linee guida per una sana alimentazione della Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU).

piramide2

Prossimo aggiornamento: 27 Maggio 2023

1 1 1 1 1