Introduzione

Ipertrofia prostatica

L'ipertrofia prostatica è molto comune al di sopra dei 50 anni.

Si manifesta con un ingrossamento benigno della prostata: piccola ghiandola presente solo negli uomini, localizzata al di sotto della vescica, che produce parte del liquido seminale (sperma). L’aumento delle dimensioni della ghiandola prostatica avviene normalmente con l’avanzare dell’età ed è determinato da diversi fattori, principalmente dall’effetto di squilibri ormonali.

Chiamata anche iperplasia prostatica benigna (IPB), può causare fastidiosi disturbi (sintomi) come, ad esempio, il bisogno di urinare frequentemente anche di notte, la scarsa “potenza” del getto. Se non curata in tempo, può aggravarsi fino a bloccare completamente l'emissione dell’urina (minzione). Ciò può determinare problemi alle vie urinarie e complicazioni renali.

Si stima che circa il 30% degli uomini sopra i 65 anni soffra di disturbi urinari gravi legati all'ipertrofia prostatica. In particolare, se la prostata si ingrossa, può esercitare una pressione sulla vescica e sull'uretra (tubo attraverso il quale passa l'urina), causando:

  • difficoltà nell’iniziare ad urinare
  • frequente bisogno di urinare
  • difficoltà nello svuotare completamente la vescica

In alcuni uomini i sintomi sono lievi e non richiedono una particolare cura. In altri, sono molto fastidiosi e incidono notevolmente sulla qualità della vita.

Molte persone temono che avere l’ipertrofia prostatica possa aumentare il pericolo di sviluppare il cancro alla prostata. Ciò non corrisponde al vero, poichè tale rischio non aumenta rispetto agli uomini che non hanno l’ipertrofia prostatica.

Sintomi

L'ipertrofia prostatica può manifestarsi con disturbi urinari tali da compromettere in modo importante la qualità di vita.

Un consistente ingrossamento della prostata può provocare difficoltà ad urinare (difficoltà nella minzione) perché comprime l’uretra (ultimo tratto delle vie urinarie) obbligando la vescica a un lavoro eccessivo per espellere l’urina accumulata. Di conseguenza, con il tempo, la vescica si indebolisce, diventa meno efficiente, non si svuota completamente ed il residuo di urina che rimane all'interno facilita la comparsa di infezioni o la formazione di calcoli.

I disturbi (sintomi) più frequenti sono:

  • difficoltà nell'iniziare ad urinare
  • flusso di urina ridotto o intermittente
  • sforzo nell'urinare
  • bisogno di urinare frequentemente sia di giorno (pollachiuria) che di notte (nicturia)
  • sensazione di incompleto svuotamento della vescica dopo aver terminato la minzione
  • bisogno improvviso di urinare, tale da causare incontinenza
  • difficoltà nello svuotare completamente la vescica
  • possibile presenza di sangue nelle urine (ematuria)
  • sgocciolamento terminale (alcune gocce di urina continuano a fuoriuscire)
  • ritenzione acuta di urina, vale a dire un vero e proprio “blocco” della minzione (nei casi più gravi)

Altre complicazioni possono essere:

  • calcoli vescicali
  • infezioni della vescica e del tratto urinario
  • danni renali

L'eventuale presenza di sangue nelle urine dovrà essere analizzata dal medico per escludere l’esistenza di altre malattie più gravi.
È, dunque, consigliabile consultare il medico se si notano problemi o cambiamenti, anche lievi, nel modo solito di urinare.

Cause

Di preciso non si conoscono le cause dell’ipertrofia prostatica. Negli uomini in età avanzata si ritiene che la crescita della prostata possa essere stimolata da alcuni ormoni come gli estrogeni.

Vista la relazione dell’ipertrofia prostatica con l'avanzare dell’età, si studia anche l’ipotesi che il livello di testosterone, ormone maschile per eccellenza, possa rivestire un ruolo importante nella variazione dell’equilibrio ormonale (andropausa) che avviene con il passare degli anni e che questo nuovo assetto possa favorire l’ingrossamento della ghiandola prostatica.

La ricerca ha ipotizzato che l’ingrossamento benigno della prostata, l’ipertrofia prostatica, possa essere più frequente negli gli uomini con ipertensione o diabete.

I fattori di rischio per l'ipertrofia prostatica includono:

  • invecchiamento, l’ingrossamento della prostata raramente causa fastidi prima dei 40 anni di età. In circa un terzo degli uomini compaiono disturbi, da moderati a gravi, a partire dai 60 anni e circa la metà li manifesta dagli 80 anni in poi
  • storia familiare, avere un parente, come un padre o un fratello, con problemi alla prostata aumenta la probabilità di sviluppare l’ipertrofia prostatica
  • diabete e malattie cardiache, gli studi dimostrano che il diabete, così come le malattie cardiache e l'uso di farmaci beta-bloccanti, potrebbe aumentare il rischio di ipertrofia prostatica
  • stile di vita, l'obesità aumenta il rischio di ipertrofia prostatica benigna mentre l'attività fisica può ridurlo

Diagnosi

In caso di sospetta ipertrofia prostatica, un’indagine clinica accurata è importante per escludere eventuali altre malattie. Il medico di famiglia chiederà di effettuare analisi specifiche, alcune delle quali saranno eseguite da un urologo (medico specializzato in problemi dell’apparato urinario). I sintomi della IPB, infatti, sono simili a quelli di altre malattie, tra cui il cancro alla prostata. Spetterà, pertanto, al medico il compito di escluderle.

Questionario per il Punteggio Internazionale di Sintomi della Prostata (International prostatic symptoms score, IPSS)

Si tratta del test per calcolare il punteggio (IPSS) che permette una valutazione oggettiva dei disturbi attraverso la risposta a 8 domande:

Negli ultimi mesi:

  1. quante volte ha avuto la sensazione di non svuotare completamente la vescica dopo aver urinato?
  2. quante volte ha dovuto urinare di nuovo, dopo meno di due ore dall'ultima minzione?
  3. quanto spesso le è capitato durante la minzione di fermarsi e di riprendere a urinare più volte (urinare in più tempi)?
  4. quante volte ha trovato difficoltà a posporre (ritardare) la minzione?
  5. quante volte ha avuto un flusso urinario debole?
  6. quante volte ha dovuto spingere o sforzarsi per iniziare la minzione?
  7. quante volte si è dovuto alzare durante la notte per urinare?

Indice della qualità della vita:

  1. se dovesse trascorrere il resto della sua vita con la sua attuale condizione urinaria, come si sentirebbe?

Ad ogni domanda del test si può dare un valore da 0 (disturbo lieve) a 5 (disturbo importante). Il totale dei punti indicherà la gravità della sintomatologia:
0-7 lieve
8-19 moderata
20-35 severa

Esame rettale

Il medico, indossato un guanto, spinge delicatamente il dito indice, ben lubrificato, attraverso l’ano fino a raggiungere il retto per poter palpare, attraverso la sua parete, la superficie della prostata, che è adiacente, e verificare se presenti delle anomalie. La procedura è leggermente fastidiosa, ma non dolorosa. Si consiglia di eseguire l’esame ogni anno a partire dai 50 anni.

Esame delle urine

L’analisi di un campione di urine, con l’esecuzione dell'urinocoltura, permette di escludere eventuali infezioni delle vie urinarie, o della vescica, in grado di causare disturbi simili all'ipertrofia prostatica benigna.

Test del PSA

Consiste nella misurazione, tramite un esame del sangue, della quantità del PSA (antigene prostatico specifico), una proteina prodotta dalla prostata.
Valori elevati di PSA indicano l'aumento del volume della prostata e devono essere interpretati correttamente per escludere l’eventuale presenza di un cancro. Tuttavia, il solo test del PSA non può fornire certezze poiché i suoi valori possono variare anche a causa di recenti infezioni o di interventi chirurgici.

Ecografia transrettale (TRUS)

Consente di rilevare le dimensioni e l’eventuale pressione della prostata sull’uretra e sulla vescica. L’esecuzione dell’ecografia transrettale prevede che una sonda ecografica sia inserita nel retto (di solito a vescica piena) e, attraverso l’emissione di onde sonore, fornisca un’immagine dettagliata della prostata consentendo di verificarne dimensioni e struttura.
È un’indagine importante soprattutto ai fini di un eventuale intervento chirurgico e può essere utilizzata per confermare, o escludere, la presenza di un cancro alla prostata.

Uroflussometria

Si tratta di un’indagine semplice e non invasiva in grado di studiare e valutare il flusso di urina durante la sua emissione (minzione). Consiste nell’urinare in un apposito strumento (flussometro) simile a un normale water ma che, in realtà, attraverso una tecnologia elettronica, permette di misurare il flusso di urina (la “potenza” del getto) momento per momento e di riprodurlo in forma grafica.

Biopsia prostatica

La biopsia prostatica è un esame finalizzato al prelievo di piccoli campioni di tessuto prostatico, successivamente osservati al microscopio ottico per confermare, od escludere, la presenza di un tumore.

UroTAC

Indagine utilizzata per effettuare un'analisi della forma e della funzionalità delle vie urinarie. Si esegue con una TAC all'addome iniettando in una vena del liquido di contrasto iodato (colorante radioattivo opaco ai raggi-X che permette di visualizzare le vie urinarie). Può essere utilizzata per verificare la presenza di blocchi (calcoli renali) nel sistema urinario o per rilevare eventuali danni.

Cistoscopia

Indagine finalizzata a vedere le pareti interne dell’uretra e della vescica. Serve per individuare eventuali anomalie ed effettuare prelievi di tessuto da analizzare. Il cistoscopio (tubo sottile, flessibile e illuminato) è inserito lentamente nella vescica attraverso l’uretra.
L’esame si esegue in anestesia locale.

Terapia

Curare l’ipertrofia prostatica aiuta a ridurre i disturbi, migliorare la qualità di vita e a evitare complicazioni a lungo termine, quali: ritenzione urinaria, calcolosi vescicale ed insufficienza renale cronica.

Diverse sono le cure (terapie) efficaci: farmaci, terapie minimamente invasive e chirurgia. Per scegliere la strategia migliore da seguire, il medico si basa sulla gravità dei disturbi (sintomi), sul loro impatto nella vita quotidiana, sulle dimensioni della prostata, sulle condizioni generali di salute e sulle preferenze della persona colpita dall’ipertrofia prostatica, nonché sui possibili rischi e benefici delle diverse cure. Evitare terapie con farmaci senza aver consultato il medico.

Se l’ipertrofia prostatica non è curata può causare episodi di ritenzione urinaria acuta (non riuscire in alcun modo ad urinare) a causa della completa ostruzione dell’uretra da parte della prostata ingrossata. In questo caso, solo l’inserimento di un catetere vescicale permetterà lo svuotamento della vescica.

Le tre principali cure dell’ipertrofia prostatica sono:

  • cambiamenti dello stile di vita
    In caso di disturbi lievi e moderati non è necessario sottoporsi ad alcuna cura medica immediata. Sarà sufficiente effettuare regolari controlli per controllare nel tempo (monitorare) con attenzione la prostata. Probabilmente, anche un cambiamento nello stile di vita, con limitazione del consumo di caffeina ed alcol, potrebbe aiutare a ridurre i fastidi
  • terapia farmacologica
    L’assunzione di farmaci, associata ad un migliore stile di vita, di solito, è raccomandata per la cura di disturbi da moderati a gravi. Si tratta di una terapia a lungo termine che, a seconda dei casi, può essere sufficiente a ridurre i disturbi (sintomi). Si basa su farmaci, che necessitano di prescrizione medica. Quelli comunemente utilizzati sono finasteride e dutasteride. Servono a bloccare gli effetti di un ormone (diidrotestosterone - DHT) nella prostata e tendono a ridurre leggermente le dimensioni della ghiandola (tra il 10 e il 15%) migliorando i fastidi. Questi farmaci, specialmente all’inizio della cura, possono causare alcuni effetti indesiderati; tra i più rilevanti: impotenza e diminuzione, o assenza, di sperma. In molti casi, questi effetti migliorano man mano che il corpo si abitua al farmaco. È bene, comunque, consultare il medico, qualora gli effetti collaterali siano preoccupanti.
    Anche la cura con farmaci bloccanti alfa adrenergici (tamsulosina e alfuzosina i più comuni) può aiutare a rilassare i muscoli della vescica, rendendo più facile urinare. In questo caso, gli effetti indesiderati (effetti collaterali) più frequenti, generalmente lievi, sono: alterazioni della pressione sanguigna, vertigini e stanchezza.
    Le cure farmacologiche di solito presentano i primi effetti dopo alcune settimane di terapia e possono essere necessari diversi mesi prima di ottenere il risultato massimo.
    Il loro impiego deve avvenire sempre sotto prescrizione e controllo medico (almeno annuale)
  • intervento chirurgico
    Si ricorre alla chirurgia solo in presenza di gravi disturbi causati dall'ipertrofia prostatica e in caso di inefficacia della terapia farmacologica. In endoscopia, l’intervento più praticato è la TURP (resezione endoscopica trans-uretrale della prostata). Consiste nell'introduzione, attraverso l’uretra, di uno strumento (resettore) che rimuove l’ingrossamento (adenoma) della prostata, scavando una sorta di tunnel per facilitare l’emissione dell’urina (minzione). Eseguito in anestesia, è un intervento poco invasivo che comporta una degenza di due, tre giorni. La convalescenza dura un paio di settimane, durante cui è bene astenersi da sforzi eccessivi come, ad esempio, guidare veicoli, perché causano vibrazioni, sollevare pesi e praticare attività sportiva.
    Sempre in endoscopia, in alternativa alla TURP, si possono eseguire altri tipi di interventi con nuovi modelli di laser, limitando ulteriormente l’invasività delle operazioni. Ciò offre risultati duraturi permettendo inoltre di ridurre: tempi di degenza, impiego del catetere post-operatorio (24-48 ore), perdite di sangue anche in persone a maggior rischio, fastidi ed irritazioni post-operatorie.
    In caso di prostata di grandi dimensioni è necessario intervenire con altre tecniche chirurgiche come l’ATV (Adenectomia prostatica Trans-Vescicale) oppure, per via endoscopica, con HoLEP (Enucleazione Della Prostata con Laser a Olmio, tecnica chirurgica che si avvale dell’utilizzo di una fibra laser attraverso la quale si procede all'enucleazione dell’adenoma che verrà spinto in vescica e ridotto in piccoli frammenti e poi aspirato all'esterno tramite un’apposito strumento)

Prevenzione

Nella prevenzione dell’ipertrofia prostatica la regola generale è: quello che fa bene al cuore fa bene anche alla prostata. Una corretta alimentazione è un punto di partenza fondamentale perché regolarizza la funzione intestinale ed evita sia la comparsa di stitichezza cronica che la diarrea, irritanti per la prostata.
È consigliabile:

  • praticare un regolare e moderato esercizio fisico come, ad esempio, camminare dai 30 ai 60 minuti al giorno
  • seguire una dieta sana, ricca di frutta e verdura. Tra gli alimenti consigliati, il pomodoro: il licopene contenuto al suo interno, infatti, ha proprietà benefiche nel proteggere la salute della prostata
  • limitare il consumo di cibi grassi e carni rosse
  • moderare, specie per chi già soffre di frequenti irritazioni alla prostata, l’uso di alimenti che l’infiammano quali: peperoncino, birra, insaccati, spezie, pepe, formaggi e fritti
  • contenere o eliminare l’assunzione di bevande alcoliche
  • evitare di bere troppa acqua, o altri liquidi, la sera per ridurre il bisogno di urinare durante la notte
  • cercare sempre di svuotare del tutto la vescica: può essere di aiuto urinare stando seduti
  • bere almeno due litri di acqua al giorno, a piccoli e frequenti sorsi, nell'arco delle 24 ore

La prevenzione per l’ipertrofia prostatica benigna è più che mai importante per evitare che progredisca e determini ostruzioni e danni alla vescica tali da rendere necessario l’intervento chirurgico.

Vivere con

Per aiutare a ridurre i disturbi (sintomi) causati da un ingrossamento della prostata, bisognerebbe cercare di:

  • diminuire il consumo di bevande nelle ore serali. Non bere nulla per una o due ore prima di andare a letto per ridurre la probabilità di svegliarsi durante la notte per urinare (nicturia)
  • anticipare l’orario di assunzione di farmaci con attività diuretica (che determinano cioè un aumento della produzione di urina) per evitare di doversi alzare durante la notte per urinare
  • limitare l’uso di alcol e caffeina. Aumentando la produzione di urina, possono irritare la vescica e peggiorare i disturbi
  • ridurre l’uso di farmaci decongestionanti e di antistaminici. Questi medicinali contribuiscono a restringere il fascio dei muscoli, situati intorno all’uretra, che controlla il flusso di urina rendendo più difficile la sua emissione
  • cercare di urinare appena si ha lo stimolo. Un’attesa molto lunga potrebbe sollecitare troppo il muscolo della vescica e causare danni
  • provare a urinare a intervalli regolari, ogni quattro-sei ore durante il giorno. Ciò può essere particolarmente utile in caso di grave frequenza e urgenza dello stimolo di urinare
  • seguire una dieta sana. L'obesità, infatti, è associata all’ingrossamento della prostata
  • rimanere attivi. L'inattività fisica contribuisce alla ritenzione urinaria. Anche una piccola quantità di esercizio fisico quotidiano può aiutare a ridurre i problemi causati dalla ipertrofia prostatica
  • cercare di limitare l’esposizione alle basse temperature. Il freddo, infatti, può causare ritenzione ed aumentare l'urgenza di urinare

Rimedi naturali

Nel caso in cui si decida di ricorrere a rimedi di origine vegetale, è importante, e necessario, informare il proprio medico. Nessun estratto fitoterapico per l’ipertrofia prostatica benigna va infatti preso senza controllo medico poiché alcuni prodotti a base di erbe potrebbero aumentare il rischio di sanguinamento o interferire con le cure farmacologiche già in atto.

Bibliografia

Ospedale San Raffaele, Milano. Ipertrofia della prostata 

1 1 1 1 1