Introduzione

Sindrome di Behcet

La malattia, o sindrome, di Behçet è una malattia autoimmune rara e poco nota in cui il sistema immunitario attacca i propri vasi sanguigni (vene e arterie) infiammandoli. Si tratta quindi di una vasculite persistente nel tempo (cronica) che può interessare molti organi. Prende il nome dal dermatologo turco Hulusi Behçet che per primo la descrisse nel 1937.

Accertare (diagnosticare) la sindrome di Behçet può essere difficile perché i disturbi che provoca (sintomi) sono generici e comuni anche ad altre malattie. I principali includono:

  • piccole ferite (afte) in bocca e sui genitali
  • infiammazione dello strato vascolare dell’occhio (uveite posteriore o panuveite)
  • eruzioni cutanee, simili all'acne
  • mal di testa
  • dolore, rigidità e gonfiore delle articolazioni

La maggior parte delle persone alterna periodi in cui i disturbi (sintomi) sono più gravi (riacutizzazioni o recidive) ad altri in cui scompaiono del tutto (remissione).

La sindrome di Behçet può evolvere in maniera estremamente grave ma nel corso del tempo alcuni disturbi possono stabilizzarsi e diventare meno fastidiosi.

Colpisce soprattutto maschi di giovane età ed è più frequentemente distribuita nel bacino del Mediterraneo.

Si ritiene che le persone con la sindrome di Behçet, abbiano una predisposizione genetica a svilupparla.

La cura consiste nel controllarne i disturbi con farmaci che riducono l'infiammazione:

  • corticosteroidi, potenti farmaci anti-infiammatori
  • immunosoppressori, medicinali che riducono l'attività del sistema immunitario
  • terapie biologiche, farmaci che agiscono sui processi biologici coinvolti nell'infiammazione

Sintomi

Nel corso della malattia possono alternarsi periodi in cui i disturbi non sono presenti (remissione) ad altri in cui compaiono con diversi livelli di gravità (ricadute e riacutizzazioni).

I disturbi (sintomi) principali causati dalla malattia di Behçet includono:

  • ulcere orali, il 97-99% delle persone sviluppa ulcere (ferite) nella bocca che hanno lo stesso aspetto delle normali afte, ma possono essere più numerose e dolorose. Compaiono più spesso sulla lingua, sulle labbra, sulle gengive e all'interno delle guance. Di solito, guariscono entro un paio di settimane senza lasciare cicatrici, anche se spesso ritornano
  • ulcere genitali, costituiscono un disturbo comune della sindrome di Behçet. Negli uomini, di solito, compaiono sullo scroto. Nelle donne, si presentano sul collo dell'utero, sulla vulva o sulla vagina. Le ulcere genitali sono solitamente dolorose e lasciano cicatrici in circa la metà dei casi. Negli uomini può anche verificarsi l’infiammazione (gonfiore) dei testicoli e le donne possono provare dolore nei rapporti sessuali. Le ulcere genitali causate dalla malattia di Behçet non sono contagiose e non possono essere trasmesse attraverso i rapporti sessuali
  • lesioni cutanee, molto frequenti, comprendono soprattutto papule e pustole, ossia macchie simili a quelle dell'acne, ma anche pseudofollicolite e eritema nodoso (caratterizzato da noduli dolenti sulla pelle). In genere, guariscono entro 14 giorni anche se, frequentemente, ritornano. Le lesioni da eritema nodoso possono lasciare aree di pelle prive di colore
  • uveiti, l'infiammazione dello strato vascolare dell’occhio (uvea) è un altro disturbo (sintomo) comune della sindrome di Behçet. Si verifica in circa la metà dei casi e si sviluppa spesso all'improvviso. L'uveite più frequente è quella posteriore, la forma più grave. A volte, entrambi gli occhi possono esserne colpiti allo stesso tempo. Se dovessero comparire disturbi come:
    • dolore e arrossamento degli occhi
    • punti che si muovono nel campo visivo
    • visione offuscata
    è necessario rivolgersi immediatamente allo specialista dell’occhio, l'oculista.
    Nei casi più gravi, l'infiammazione degli occhi può portare a una perdita permanente della vista. Tuttavia, ciò accade raramente con una cura rapida e adeguata
  • infiammazione delle articolazioni, la malattia di Behçet colpisce le articolazioni in due persone su tre, causando disturbi simili a quelli provocati dall'artrite come dolore, rigidità, gonfiore, calore e mollezza. Le articolazioni più spesso interessate includono le ginocchia, le caviglie, i polsi e le mani. Il danno articolare permanente, però, è raro e i disturbi possono essere generalmente controllati con successo
  • patergia e patergy-test, in alcune persone con la sindrome di Behçet la pelle è particolarmente sensibile a lesioni o irritazioni. Questo fenomeno è noto come patergia, ovvero una iper-reattività aspecifica che si verifica sulla pelle dopo una puntura con un ago e che regredisce spontaneamente. Se la persona è positiva al test di patergia, dopo 48 ore si svilupperà una papula più grande di 2 millimetri
  • disturbi gastrointestinali, come infiammazione dello stomaco e dell'intestino, che possono provocare:
    • malessere e vomito
    • dolore addominale
    • indigestione
    • perdita di appetito
    • diarrea con sanguinamento
  • trombosi, l'infiammazione del rivestimento dei vasi sanguigni associati alla sindrome di Behçet può talvolta causare una trombosi venosa profonda (TVP), vale a dire la formazione di un coagulo di sangue in una vena profonda, di solito delle gambe. I sintomi di TVP includono un forte dolore nell'area colpita, gonfiore, calore e arrossamento della pelle nella zona in cui si è formato il coagulo. La TVP richiede cure mediche immediate. Se si sospetta di avere una TVP bisogna recarsi immediatamente al pronto soccorso più vicino
  • trombosi venosa cerebrale (TVC), meno comune, si verifica quando un coagulo di sangue si sviluppa all'interno dei vasi sanguigni presenti tra lo strato esterno e quello interno del cervello. Il coagulo può portare a un'interruzione del flusso di sangue al cervello (ictus). I disturbi conseguenti a una trombosi venosa cerebrale includono:
    • forte mal di testa, descritto come palpitante, penetrante o come un dolore molto forte e improvviso
    • biascicamento (parlare stentato)
    • convulsioni
    • perdita dell'udito
    • visione doppia
    • sintomi di ictus, come debolezza muscolare o paralisi di entrambi i lati del corpo
    la TVC dovrebbe essere considerata un'emergenza medica. Se si sospetta un ictus, bisogna telefonare immediatamente al 112 o al 118 per richiedere un'ambulanza
  • aneurismi, l'infiammazione può indebolire le pareti dei vasi sanguigni e causare la loro dilatazione verso l’esterno a causa della pressione al loro interno. Tale rigonfiamento è noto come aneurisma. Di solito, non causano alcun disturbo evidente a meno che la parete del vaso sanguigno non diventi così debole da rompersi. La rottura di un aneurisma può causare disturbi diversi a seconda del luogo in cui si è formato:
    • dolore a un arto o improvviso mal di testa
    • vertigini
    • affanno
    • tosse con sangue
    • confusione
    • perdita di conoscenza
  • infiammazione del sistema nervoso, quando si verifica causa i disturbi più gravi associati alla sindrome di Behçet. Essi si sviluppano rapidamente, nell'arco di pochi giorni e possono includere:
    • mal di testa
    • visione doppia
    • perdita di equilibrio
    • convulsioni
    • paralisi parziale (su un lato del corpo)
    • cambiamenti comportamentali o di personalità
  • disturbi generali, a causa dell’estrema stanchezza fisica o mentale (affaticamento) le persone con la malattia di Behçet possono avere problemi a eseguire qualsiasi tipo di attività

Cause

Nella malattia di Behçet, il sistema immunitario riconosce come estranei i propri vasi sanguigni e li attacca. Non è chiaro quale sia la causa scatenante, ma si pensa a:

  • predisposizione genetica, i ricercatori pensano che vi sia una predisposizione genetica e che la malattia nell'individuo predisposto venga innescata da fattori esterni non ancora conosciuti. La sindrome di Behçet spesso è associata (nel 72% circa dei casi) con l’antigene di istocompatibilità (molecole presenti sulla membrana delle cellule) HLA-B51, soprattutto nelle persone originarie del bacino del Mediterraneo e dell’Estremo Oriente
  • fattori ambientali, sebbene non sia stato ancora identificato un fattore ambientale specifico, è stato osservato che le persone appartenenti a un gruppo etnico a rischio che vivono fuori dal loro paese natale hanno meno probabilità di ammalarsi della sindrome di Behçet. La malattia è più comune in Estremo Oriente, in Medio Oriente e nei paesi del Mediterraneo come la Turchia, l'Iran e Israele (antica “via della seta”)

Diagnosi

Per accertare (diagnosticare) la malattia di Behçet, o per escludere altre possibili cause dei disturbi presenti, potrebbero essere necessari diversi esami:

  • analisi del sangue
  • analisi delle urine
  • esami strumentali per immagini: raggi X, tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica (MRI)
  • prelievo di un piccolo pezzetto di pelle (biopsia della cute)
  • patergy-test, test per scoprire una particolare sensibilità della pelle a ferite o irritazioni
  • ricerca dell’antigene di istocompatibilità di classe I HLA-B51, utile per accertare (diagnosticare) la malattia

Le linee guida attuali indicano che la malattia di Behçet può essere accertata (diagnosticata) con sicurezza se si sono verificati almeno tre episodi di ulcere nella bocca negli ultimi 12 mesi in combinazione con almeno due dei seguenti disturbi (sintomi):

  • ulcere genitali
  • infiammazione agli occhi (uveite)
  • lesioni cutanee
  • patergia (pelle ipersensibile)

Terapia

Attualmente, non esiste una cura risolutiva per la malattia di Behçet ma una serie di terapie possono aiutare ad alleviare i disturbi (sintomi) e a ridurre il rischio di gravi complicazioni.

Una volta confermata la presenza della malattia di Behçet, bisognerà rivolgersi a diversi specialisti, con esperienza nella cura della malattia, per la preparazione di un piano di trattamento individuale. Gli specialisti coinvolti includono:

  • dermatologo
  • specialista di medicina orale
  • reumatologo
  • oculista
  • neurologo

Il piano di trattamento prevede l'uso di una combinazione di diversi farmaci. A seconda del tipo e della gravità dei disturbi (sintomi) potrebbe essere necessario prendere farmaci a lungo termine per evitare lo sviluppo di gravi complicazioni come, ad esempio, la perdita della vista.

Farmaci

È possibile utilizzare diverse categorie di farmaci per trattare i vari disturbi (sintomi) della malattia di Behçet:

Corticosteroidi

I corticosteroidi sono potenti farmaci antinfiammatori. A seconda dei disturbi da trattare, possono essere impiegati:

  • corticosteroidi topici, colliri, creme o gel da applicare direttamente sull'area interessata
  • corticosteroidi orali, compresse o capsule che riducono l'infiammazione per via generale
  • corticosteroidi per iniezione, usati occasionalmente

L'uso a lungo termine di corticosteroidi orali è associato ad alcuni effetti indesiderati (effetti collaterali) che includono:

Immunosoppressori

Gli immunosoppressori sono farmaci che riducono l'attività del sistema di difesa dell’organismo (sistema immunitario) interrompendo così il processo infiammatorio che causa la maggior parte dei disturbi (sintomi) della malattia di Behçet.

Esempi di farmaci immunosoppressori usati nella sindrome di Behçet comprendono: azatioprina, ciclosporina, metotrexato, micofenolato mofetile e talidomide. Questi farmaci sono solitamente disponibili in compresse, capsule e iniezioni. Anche la colchicina, un medicinale antinfiammatorio spesso usato per la gotta, può essere utile.

Sebbene gli immunosoppressori possano essere utilizzati nel trattamento di una vasta gamma di disturbi della malattia di Behçet, possono causare effetti indesiderati (effetti collaterali) che includono:

  • effetti sulle cellule del sangue e sul fegato, possono essere richiesti controlli regolari del loro funzionamento attraverso esami del sangue
  • aumento del rischio di infezioni, qualsiasi segnale di una possibile infezione deve essere segnalato al più presto al proprio medico
  • malessere e vomito
  • dolore addominale
  • diarrea
  • perdita temporanea dei capelli
  • formicolio
  • crampi muscolari e debolezza

Poiché alcuni immunosoppressori possono anche causare difetti nel nascituro, non devono essere presi in caso di gravidanza o di pianificazione di una gravidanza.

Terapie biologiche

Le terapie biologiche sono costituite da nuovi farmaci che agiscono in modo mirato sui processi biologici coinvolti nell'infiammazione. Ad esempio, un gruppo di farmaci chiamati inibitori del fattore di necrosi tumorale alfa (inibitori del TNFalfa) agisce bloccando la molecola TNFalfa che causa gran parte dell'infiammazione associata alla malattia di Behçet.

Le terapie biologiche possono causare una serie di effetti indesiderati (effetti collaterali) che comprendono:

  • aumento del rischio di infezioni
  • mal di testa
  • vertigini
  • nausea
  • dolore muscolare e articolare
  • battiti cardiaci improvvisi (palpitazioni)
  • aumento della frequenza cardiaca (tachicardia)

I segnali di una possibile infezione vanno segnalati al più presto al proprio medico.

Trattamento di disturbi (sintomi) specifici

I farmaci specifici usati per la sindrome di Behçet variano a seconda del disturbo da curare:

  • ulcere e lesioni cutanee, i corticosteroidi per uso locale, come creme, collutori e spray, sono di solito il primo trattamento raccomandato per le ulcere della bocca e dei genitali. Per ulcere e lesioni gravi, che non rispondono ad altre cure, si raccomandano terapie a base di immunosoppressori o terapie biologiche
  • uveiti, a causa del potenziale rischio di perdita della vista, qualsiasi infiammazione oculare causata dalla malattia di Behçet deve essere attentamente valutata da un oculista. La cura per l’infiammazione agli occhi comporta spesso l'impiego di azatioprina e compresse o colliri a base di corticosteroidi. Nei casi più gravi, se i corticosteroidi non hanno avuto effetto, possono anche essere raccomandati trattamenti a base di mofetile micofenolato, ciclosporina o terapie biologiche
  • dolori articolari, antidolorifici convenzionali, come il paracetamolo, e farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) possono talvolta aiutare ad alleviare il dolore. La colchicina somministrata in compresse può essere utile per ridurre l'infiammazione alle articolazioni. Nei casi più gravi, se i trattamenti non hanno avuto effetti, possono essere raccomandati azatioprina o terapie biologiche
  • disturbi gastrointestinali, per ridurre l'infiammazione dello stomaco e dell'intestino causata dalla malattia di Behçet, è possibile ricorrere a diversi farmaci inclusi i corticosteroidi, gli immunosoppressori e le terapie biologiche. A volte, l'infiammazione dell’intestino provoca danni e sanguinamento e, anche se raramente, può essere necessario un intervento chirurgico d'urgenza per fermare l'emorragia
  • mal di testa, nei casi di sindrome di Behçet, i mal di testa sono trattati allo stesso modo delle emicranie: farmaci per prevenire il mal di testa come i beta-bloccanti o farmaci per alleviare il mal di testa, come i FANS
  • trombosi, normalmente le trombosi sono curate con anticoagulanti, farmaci che aiutano a fluidificare il sangue e riducono il rischio di formazione di coaguli che possono bloccarne il flusso. Nel caso della sindrome di Behçet l'uso degli anticoagulanti è controverso perché i coaguli tendono a rimanere attaccati alle pareti dei vasi sanguigni, piuttosto che staccarsi e viaggiare attraverso il sangue. Inoltre, l'uso di anticoagulanti potrebbe aumentare il rischio di rotture di aneurismi provocando gravi emorragie interne. I coaguli di sangue, quindi, sono curati con una combinazione di corticosteroidi e immunosoppressori per ridurre l'infiammazione dei vasi sanguigni. Gli anticoagulanti sono utilizzati solo nel caso in cui si abbia la sicurezza che non vi siano aneurismi
  • aneurismi, gli aneurismi sono trattati con una combinazione di corticosteroidi e immunosoppressori o con infusioni di ciclofosfamide per ridurre l'infiammazione nel vaso sanguigno interessato e evitare il peggioramento dell'aneurisma. Possono anche essere presi in considerazione interventi o procedure chirurgiche (stent)
  • infiammazione del sistema nervoso centrale, i disturbi meno gravi causati dall'infiammazione del sistema nervoso centrale, come la visione sdoppiata, possono migliorare da soli senza bisogno di cure. Quelli più gravi, come la paralisi e i cambiamenti comportamentali, richiedono un trattamento con corticosteroidi o iniezioni di immunosoppressori o terapie biologiche
  • gravidanza e fertilità, la sindrome di Behçet non influenza la fertilità femminile ma è importante che ogni gravidanza sia pianificata, laddove possibile. Molti farmaci usati per la cura della malattia, infatti, come ad esempio la talidomide, possono causare difetti nel nascituro. Si consiglia di parlare con i medici, prima di intraprendere una gravidanza, per adattare il piano terapeutico ed evitare rischi. La malattia di Behçet potrebbe compromettere la fertilità maschile. Ciò può verificarsi come risultato della malattia stessa o per effetti collaterali di alcuni farmaci immunosoppressori. La colchicina, ad esempio, può temporaneamente ridurre il numero di spermatozoi
  • malattia neonatale di Behçet, presente alla nascita, può causare ulcere ai genitali e alla bocca del bambino. È estremamente rara e può essere curata con farmaci corticosteroidi per alleviarne i disturbi (sintomi). La malattia, di solito, si risolve entro sei-otto settimane dalla nascita

Bibliografia

NHS. Behçet's disease (Inglese)

1 1 1 1 1