Introduzione

Farmaci antinfiammatori non steroidei

Gli antinfiammatori non steroidei (FANS) sono farmaci utilizzati per alleviare il dolore (analgesici) ridurre l’infiammazione (antiflogistici), abbassare la temperatura corporea in caso di febbre (antipiretici).

I FANS sono impiegati generalmente per alleviare i sintomi del mal di testa, del ciclo mestruale doloroso (dismenorrea), di strappi muscolari, del raffreddore e dell’influenza, dell’artrite e di altre malattie che causano dolore cronico.

Sebbene i FANS siano usati da gran parte della popolazione, non sono adatti a tutti e possono a volte provocare effetti indesiderati.

L’informazione riportata in queste pagine è di carattere generale. Per maggiori informazioni sui singoli farmaci si può consultare la Banca Dati Farmaci dell'AIFA. La ricerca può essere effettuata attraverso il nome del farmaco o il principio attivo dello stesso.

Tipologie di FANS

I FANS più diffusi sono:

  • ibuprofene
  • naprossene
  • diclofenac
  • celecoxib
  • acido mefenamico
  • etoricoxib
  • indometacina
  • nimesulide
  • aspirina ad alto dosaggio – l’aspirina a basso dosaggio non è considerata un FANS

I FANS possono essere venduti con il nome del principio attivo o con un nome commerciale. Hanno effetti terapeutici simili: in alcune persone alcuni FANS funzionano meglio di altri.

Chi può assumere i FANS

La maggior parte delle persone possono assumere i FANS in caso di necessità.

È opportuno chiedere indicazioni al medico o al farmacista se si è in una di queste condizioni:

  • si hanno più di 65 anni di età
  • si è in gravidanza o si sta cercando di rimanere incinta
  • in allattamento
  • si è affetti da asma
  • in passato si sono verificate reazioni allergiche ai FANS
  • si è sofferto in passato di ulcera dello stomaco
  • si soffre di problemi cardiaci, epatici, renali, circolatori, intestinali o di pressione alta
  • si prendono altri farmaci (si veda interazioni con altri farmaci)
  • nei bambini: ogni farmaco che contenga aspirina dovrebbe essere evitato sotto i 16 anni di età

Le condizioni di cui sopra non precludono necessariamente l’assunzione di FANS, ma, dato che il rischio di effetti collaterali potrebbe essere maggiore, è necessario in questi casi essere seguiti da un medico durante la terapia. Il medico o il farmacista possono suggerire farmaci alternativi ai FANS, come il paracetamolo.

Effetti indesiderati dei FANS

Come tutti i farmaci anche i FANS possono provocare effetti indesiderati, soprattutto se sono presi ad alte dosi per molto tempo, se si è anziani, se si è in uno stato di salute precario. I FANS venduti senza necessità di ricetta, in generale, hanno effetti collaterali minori rispetto a quelli che hanno l’obbligo di prescrizione medica.

I possibili effetti collaterali dei FANS sono:

  • dolori allo stomaco, nausea e diarrea
  • ulcera dello stomaco, che può causare emorragie interne ed anemia; spesso insieme ai FANS è necessario prendere farmaci gastroprotettori, come gli inibitori di pompa protonica
  • perforazione delle stomaco o dell’intestino
  • mal di testa
  • sonnolenza
  • vertigini
  • reazioni allergiche
  • in rari casi problemi epatici, renali, cardiaci e circolatori, tra cui insufficienza cardiaca, ictus e infarto

Se durante la terapia con FANS si notano effetti indesiderati di qualunque tipo, è necessario interromperla e parlarne con il proprio medico.

Interazioni con altri farmaci

Alcuni FANS possono interagire in maniera imprevedibile con altri farmaci, compromettendo l’efficacia della terapia e aumentando il rischio di effetti indesiderati.

È molto importante avvisare il medico se, oltre ai FANS, si sta già assumendo:

  • un altro FANS
  • aspirina a basso dosaggio o altri farmaci anticoagulanti
  • ciclosporina, farmaco utilizzato per la cura di malattie autoimmuni come l’artrite o la colite ulcerosa
  • diuretici, farmaci utilizzati a volte per la pressione alta
  • litio, farmaco utilizzato per curare il disturbo bipolare o la depressione maggiore
  • metotressato, farmaco utilizzato per la cura dell’artrite reumatoide
  • antidepressivi, come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)

Se non si è sicuri che un farmaco che si sta assumendo possa essere preso insieme ai FANS, leggere il foglietto illustrativo, o chiedere al medico o al farmacista.

Cibo ed alcol

Il foglietto illustrativo del farmaco dovrebbe riportare tutte le indicazioni relative a cibi o bevande da evitare. Per ogni dubbio consultare il medico o il farmacista. Solitamente non ci sono cibi da evitare quando si assumono i FANS. Capsule o compresse dovrebbero essere ingerite a stomaco pieno.

Si può bere alcol, ma in quantità moderate.

Cosa fare se si prende una dose eccessiva?

Assumere una dose eccessiva di FANS può essere pericoloso. Contattare il medico curante se si avvertono nausea, problemi digestivi o sonnolenza.

Chiamare immediatamente il 118 in caso di convulsioni, difficoltà respiratorie o svenimento.

Farmaci alternativi ai FANS

I FANS possono provocare effetti indesiderati, quindi è importante prendere in considerazione le alternative disponibili.

L’antidolorifico di prima scelta è il paracetamolo, farmaco di automedicazione, che la maggior parte delle persone tollera senza problemi.

I FANS disponibili in forma di pomata o gel sono indicati per dolori muscolari e articolari e in genere hanno meno effetti collaterali rispetto alle pasticche o compresse.

Il medico curante può indicare terapie alternative ai farmaci in base alla sintomatologia riportata: ad esempio la fisioterapia può essere utile in caso di dolori muscolari o articolari.

Prossimo aggiornamento: 03 Giugno 2022

1 1 1 1 1