Introduzione

Dolore pelvico

Questo tipo di dolore si avverte sotto l'ombelico; può essere intenso e improvviso o presentarsi in forma lieve ma durare per mesi. È bene comunque rivolgersi al medico di famiglia in entrambi i casi. Per le donne, che accusano questo dolore con maggiore frequenza, il medico di riferimento è il ginecologo (specialista del sistema riproduttivo femminile).

Talvolta, è difficile risalire alla causa del dolore pelvico, che può essere acuto (cioè improvviso e inaspettato) o cronico (ripetuto e persistente).

Dolore pelvico improvviso

Si tratta di un dolore acuto e inaspettato che richiede di consultare subito il medico di famiglia per identificarne la causa e farsi indicare la cura da seguire.

Le cause più comuni per le donne che non siano in gravidanza sono:

  • cisti ovarica, una sacca di liquido che si forma all'interno delle ovaie e provoca dolore se si rompe o si torce
  • malattia infiammatoria pelvica acuta, infezione batterica dell'utero, delle Tube di Falloppio o delle ovaie, che deriva spesso dall'insorgenza di un'infezione dovuta a clamidia o gonorrea; in questi casi è prevista la cura con antibiotici
  • appendicite, rigonfiamento dell’appendice (tasca che ha la forma di un dito, collegata con l’intestino crasso) che genera dolore addominale localizzato in basso a destra
  • peritonite, infiammazione del peritoneo (sottile membrana di rivestimento della cavità addominale) che provoca un dolore improvviso alla pancia che tende a intensificarsi, tanto da richiedere un intervento medico d'urgenza
  • infezioni urinarie, condizione che provoca dolore o bruciore quando si urina, con la conseguenza di doverlo fare più spesso
  • costipazione o spasmo intestinale, può derivare da variazioni introdotte nella dieta o da cure in corso. Può, inoltre, dipendere dalla sindrome del colon irritabile oppure, in alcuni casi, da un blocco intestinale

Le cause meno frequenti di dolore pelvico acuto sono, invece, riconducibili a:

  • ascesso pelvico, dovuto a una formazione di pus tra utero e vagina. Richiede un trattamento urgente in ospedale
  • endometriosi, malattia che si verifica quando frammenti di tessuto fuoriescono dalla cavità uterina e si posizionano in altre aree, come ad esempio le ovaie, generando così mestruazioni dolorose

Dolore pelvico persistente o ripetuto

È un dolore pelvico cronico che dura per mesi (6 mesi o oltre), va e viene oppure è continuo e, oltre a durare di più rispetto al dolore acuto, è più intenso. In genere interessa una donna su 6. Se compare è bene consultare il medico di famiglia che può indagarne la causa e prevedere la terapia da seguire. Le cause più frequenti di dolore pelvico cronico sono:

  • endometriosi
  • infezione pelvica cronica, infezione batterica dell'utero, delle Tube di Falloppio o delle ovaie, che deriva spesso da infezioni dovute a clamidia o gonorrea; in questi casi è necessario effettuare subito una cura con antibiotici
  • sindrome del colon irritabile malattia del sistema digerente che causa crampi di stomaco, gonfiore, diarrea e costipazione

Le cause meno frequenti di dolore pelvico cronico sono, invece, attribuibili a:

  • cisti ovarica ripetuta, sacca di fluido o di sangue che si forma all'interno delle ovaie
  • infezioni urinarie ripetute
  • mal di schiena a livello lombare
  • prolasso dell'utero, avviene quando l'utero slitta in basso rispetto alla sua posizione normale, causando dolore che si irradia verso il basso ventre
  • adenomiosi, forma di endometriosi che interessa la muscolatura dell'utero e che provoca mestruazioni abbondanti
  • fibroidi, tumori benigni che si sviluppano all'interno o intorno all'utero e possono causare dolore nel caso subiscano una torsione o se si posizionano male
  • cistite interstiziale cronica, infiammazione spesso dovuta ad una infezione persistente della vescica
  • malattie infiammatorie croniche dell’intestino, riferite a due malattie: colite ulcerosa e malattia di Crohn
  • ernia, fuoriuscita di un viscere dalla cavità che lo contiene. Esercita una pressione su una parte molle del tessuto o del muscolo circostante
  • nervi costretti o lesionati nella regione pelvica, possono causare dolori lancinanti, che peggiorano con il movimento, in un punto specifico

Bibliografia

NHS Choices. Pelvic pain (Inglese) 

1 1 1 1 1