Introduzione

Infezioni ospedaliere

Le infezioni ospedaliere costituiscono una delle complicazioni più frequenti e gravi dell'assistenza sanitaria. Si definiscono così quelle infezioni che insorgono durante il ricovero di una persona in ospedale e che non erano presenti o in incubazione al momento dell'ingresso in ospedale. In alcuni casi, le infezioni ospedaliere si possono manifestare anche dopo la dimissione dall'ospedale.

A partire dagli anni novanta, l'assistenza sanitaria ha subito profondi cambiamenti. Per il nascere ed il diffondersi di altri luoghi di cura quali strutture di lungodegenza, residenze per anziani, ambulatori, centri di dialisi, day-surgery (cioè interventi chirurgici effettuati in regime di ricovero delle durata di poche ore), assistenza a domicilio ecc., oggi si parla più in generale di infezioni correlate all'assistenza sanitaria (Ica) e non solo di infezioni ospedaliere.

Cause

Le infezioni correlate all’assistenza sanitaria (Ica) possono essere causate da molteplici fattori quali:

  • interventi chirurgici, specie se ad alta complessità
  • uso prolungato di dispositivi medici invasivi
  • indebolimento del sistema di difesa dell'organismo (immunosoppressione) e presenza di gravi malattie di base
  • eccessivo utilizzo di antibiotici
  • scarsa applicazione di misure di igiene ambientale
  • scarsa prevenzione e controllo delle infezioni

Le Ica includono infezioni trasmesse dall'esterno (esogene), da persona a persona o tramite gli operatori e/o l'ambiente, e infezioni causate da batteri presenti all'interno del corpo (endogene).

Fattori di rischio

Le persone che rischiano di contrarre una infezione correlata all'assistenza sono innanzitutto quelle ricoverate in ospedale o in altre strutture di assistenza sanitaria e, con minore frequenza, il personale medico e paramedico, i volontari, gli studenti e altri individui che frequentano l'ospedale.

Le condizioni che aumentano la probabilità di contrarre un'infezione sono:

  • età (soprattutto le età estreme della vita, neonati e anziani)
  • altre infezioni o gravi malattie concomitanti che abbassano le difese immunitarie (tumori, immunodeficienze, diabete, anemie, cardiopatie, insufficienza renale e trapianti d'organo)
  • esposizione a particolari tecniche assistenziali invasive e/o complesse (cateterismo, endoscopie, interventi chirurgici)
  • malnutrizione
  • traumi, ustioni
  • alterazioni dello stato di coscienza
  • disabilità (ad esempio, persone allettate o incontinenti)

Modalità di trasmissione

Le principali vie di trasmissione delle Ica sono:

  • contatto diretto da persona a persona oppure tramite la via aerea (ad esempio, con le goccioline emesse mentre si parla, con gli starnuti o i colpi di tosse)
  • contatto con gli operatori sanitari, soprattutto attraverso le mani se non correttamente lavate o disinfettate
  • contatto indiretto mediante oggetti contaminati (sia strumenti diagnostici o assistenziali che oggetti e superfici comuni)

La situazione delle Ica in Italia

Il Ministero della Salute stima che in Italia ogni anno si verificano dalle 450.000 alle 700.000 infezioni in persone ricoverate (complessivamente un'infezione correlata all'assistenza si verifica nel 4-7% dei ricoveri).

Secondo uno studio condotto nel 2011 le Ica più comuni sono:

I microrganismi più frequentemente isolati nelle Ica sono Gram-negativi (escherichia coli, klebsiella pneumoniae, pseudomonas aeruginosa) seguiti da batteri Gram-positivi quali lo staphylococcus aureus.
Il germe più frequentemente rilevato nelle infezioni gastrointestinali in ospedale è il clostridium difficile.

In Italia, la maggior parte delle Ica sono dovute a specie batteriche che presentano resistenza agli antibiotici. Da alcuni anni, la principale emergenza in ospedale è rappresentata dalla resistenza alla classe di antibiotici chiamata carbapenemi, presente in batteri Gram-negativi quali klebsiella pneumoniae, pseudomonas aeruginosa e acinetobacter spp. Tali microrganismi resistenti sono responsabili di gravi infezioni ed hanno la capacità di diffondersi molto rapidamente all'interno degli ospedali causando epidemie.

Prevenzione

Si stima che una quota superiore al 50% delle Ica siano prevenibili. Esistono oggi conoscenze consolidate e comportamenti professionali “sicuri” che possono ridurre in modo significativo il rischio di contrarre un'infezione.

La diminuzione delle Ica è uno degli obiettivi del Piano nazionale di contrasto all'antibiotico-resistenza pubblicato dal Ministero della Salute nel 2017.

La prevenzione delle Ica si può attuare mediante:

  • la sorveglianza delle infezioni, l'identificazione ed il controllo delle epidemie
  • il corretto lavaggio delle mani (Video)
  • la riduzione delle procedure diagnostiche e terapeutiche non necessarie
  • il corretto uso degli antibiotici (per la profilassi e la terapia) e dei disinfettanti
  • l'utilizzo di metodiche corrette soprattutto per le procedure invasive
  • il controllo della pulizia ambientale
  • la vaccinazione degli operatori sanitari

Le Ica hanno un impatto sulla salute delle persone ma anche un impatto economico per le strutture sanitarie coinvolte. Da qui la necessità di adottare procedure sicure, in grado di prevenire e controllare la trasmissione delle infezioni in tutti gli ambiti assistenziali (ospedali, strutture di lungodegenza, residenze per anziani).

Lavaggio delle mani

Nelle Ica, la trasmissione dei microrganismi si verifica soprattutto attraverso le mani degli operatori. Il lavaggio delle mani dopo l'assistenza di una persona e prima di assisterne un'altra è la pratica più importante per la prevenzione delle Ica. È molto semplice, a basso costo ed estremamente utile a limitare l'emergenza e la diffusione dei microrganismi responsabili di infezioni. Il lavaggio delle mani deve essere effettuato con acqua e sapone o può essere sostituito dall'utilizzo di soluzioni idro-alcoliche (gel disinfettante). Non solo il personale sanitario ma anche i visitatori sono tenuti a lavarsi le mani (sito del Ministero della Salute Lavare le mani. Ecco come, quando e perché) prima di ogni possibile contatto con la persona ricoverata.

Comportamenti scorretti possono causare la diffusione di batteri in grado di provocare malattie (patogeni), inclusi quelli resistenti agli antibiotici, e l'insorgenza delle infezioni. Per questo è molto importante la continua formazione degli operatori sanitari e la corretta comunicazione alla popolazione.

1 1 1 1 1 Rating 1.00 (1 Vote)