Introduzione

Ormone della crescita

L'ormone della crescita, noto anche come ormone somatotropo o somatotropina (Growth Hormone, GH o STH), è una proteina prodotta dall'ipofisi, una piccola ghiandola localizzata alla base del cervello, a sua volta controllata da un'area cerebrale detta ipotalamo.

L'ormone della crescita, come suggerisce il suo nome, svolge un ruolo importante nel regolare la crescita e il metabolismo dell'organismo. Questo ormone agisce su ossa, cartilagini, muscoli e fegato attraverso la produzione di particolari sostanze, dette somatomedine (IGF1: insulin-like growth factor), responsabili dell'accrescimento osseo; oppure interviene direttamente sui tessuti producendo effetti metabolici quali l'aumento dei trigliceridi e del glucosio nel sangue e della sintesi delle proteine nei tessuti. L'effetto finale, quindi, è quello di stimolare la “costruzione” di tessuti e organi.

Gli effetti del GH si manifestano diversamente in base all'età. Nel bambino la funzione principale dell'ormone della crescita è quella di regolare l'accrescimento in altezza. L'azione di stimolo sull'accrescimento inizia alla nascita e termina dopo la saldatura delle cartilagini presenti all'estremità delle ossa lunghe. Negli adulti, il GH svolge importanti funzioni non più legate all'accrescimento ma al controllo del metabolismo di zuccheri, grassi e proteine.

L'ormone della crescita non è prodotto in modo costante né nel corso della vita né nel corso della singola giornata.

Nei bambini piccoli i livelli di produzione dell'ormone della crescita sono normalmente bassi, aumentano in maniera graduale durante l'infanzia fino ad arrivare, durante la pubertà, a un picco che coincide con il periodo di maggiore velocità di crescita. Nell'età adulta i livelli di GH nel sangue diminuiscono progressivamente.

La produzione di GH nel corso della giornata è intermittente con i picchi maggiori durante il sonno e, in particolare, nelle ore iniziali del sonno stesso.

Stimoli alla secrezione di GH sono rappresentati dall'esercizio fisico, da traumi, sepsi (risposta dell’organismo a seguito di una grave infezione) e dai livelli di glicemia nel sangue.

Le alterazioni nella produzione dell'ormone della crescita possono essere relative sia a un aumento, sia a una riduzione dei suoi livelli nel sangue. Le cause possono essere già presenti alla nascita (congenite) oppure conseguenti a danni all'ipofisi o all'ipotalamo in seguito a traumi, tumori benigni o maligni, radioterapia o conseguenze di un intervento chirurgico.

Una produzione ridotta o assente di ormone GH (deficit) può provocare nei bambini:

  • bassa statura
  • ritardo nella crescita
  • ritardo nello sviluppo sessuale

mentre negli adulti può provocare:

  • riduzione della densità ossea o della forza muscolare
  • riduzione della risposta metabolica agli stress, come ad esempio all'ipoglicemia (riduzione del glucosio nel sangue)
  • livelli alti di grassi nel sangue

Una produzione eccessiva di GH può causare nei bambini:

  • gigantismo, vale a dire un esagerato sviluppo in altezza rispetto a individui della stessa razza ed età
  • ritardo nello sviluppo dei genitali e della pubertà

negli adulti può causare:

  • acromegalia, anomalo ingrossamento delle ossa delle mani e dei piedi e cambiamento dei tratti del volto, a volte molto evidente

Dato che il GH viene prodotto in maniera intermittente nel corso della giornata, per valutarne la produzione da parte dell'organismo è necessario misurarlo nel sangue dopo averne stimolato la sua produzione con sostanze specifiche quali il GHRH (dall'inglese Growth Hormone Releasing Hormone) e l'arginina, oppure inducendo ipoglicemia.

Riguardo la terapia, la carenza di ormone della crescita è curata somministrando l'ormone biosintetico, vale a dire l'ormone prodotto in laboratorio. Esso ha sostituito l'ormone estratto dal cervello dei cadaveri quando è stato dimostrato il rischio di trasmissione di malattie molto gravi (malattia di Creutzfeldt-Jakob, o la sua variante nota come morbo della mucca pazza).

Nei bambini, la terapia con l'ormone biosintetico può essere utilizzata anche in malattie in cui non sia presente una riduzione del GH, quali la sindrome di Turner, la sindrome di Prader-Willi e l'insufficienza renale cronica.

I casi in cui vi è un aumento della produzione di GH sono curati tenendo conto delle cause che lo determinano, con terapie che utilizzano farmaci specifici oppure, interventi chirurgici o associando chirurgia, radioterapia e farmaci.

Bibliografia

Ospedale pediatrico Bambino Gesù. Deficit di ormone della crescita 

Istituto Superiore di Sanità (ISS). Ormone della crescita 

Prossimo aggiornamento: 03 Febbraio 2022

1 1 1 1 1