Introduzione

Farmaci trptani

I triptani sono una classe di farmaci impiegata per la cura delle crisi di emicrania o della cefalea a grappolo, di intensità grave o moderata.

I triptani non prevengono l'emicrania o il mal di testa ma agiscono sul dolore una volta che si è sviluppato. Essi svolgono la loro azione grazie alla capacità di interferire con i normali meccanismi che regolano la pressione del sangue.

Se si prendono dosi frequenti di triptani, però, vi è il rischio di contrarre un mal di testa cosiddetto di rimbalzo, chiamato mal di testa indotto da farmaci.

Allo stato attuale sono disponibili sei differenti triptani:

  • sumatriptan
  • zolmitriptan
  • rizatriptan
  • almotriptan
  • eletriptan
  • frovatriptan

Le vie di somministrazione possono essere diverse:

  • per bocca (orale)
  • per iniezione (intramuscolare o endovenosa)
  • per via nasale

I triptani, infatti, sono disponibili in compresse da deglutire (sumatriptan, zolmitriptan, rizatriptan, almotriptan, eletriptan e frovatriptan) e in formato liofilizzato (rizatriptan), in soluzione iniettabile (sumatriptan), in supposte (sumatriptan) e spray nasale (sumatriptan).

Funzionamento dei triptani

I triptani funzionano imitando l'azione di una sostanza chimica del cervello chiamata 5-idrossitriptamina (5-HT), anche nota come serotonina. Essi attivano un meccanismo che porta alla vasocostrizione dei vasi sanguigni cranici, limitando così il dolore da vasodilatazione cerebrale (mal di testa “battente” o “pulsante”).

Quando vanno assunti i triptani

La prima dose andrebbe presa quando il mal di testa (dolore) inizia a svilupparsi, non prima. I triptani assunti per bocca agiscono entro un'ora, quelli iniettabili di solito entro 10-15 minuti. Tempi più o meno simili sono necessari in caso di assunzione sotto la lingua (sublinguale) o per via nasale.

Effetti indesiderati (collaterali) e controindicazioni

L'assunzione di triptani può dare origine a diversi effetti collaterali, in particolare:

  • disturbi gastrointestinali, nausea
  • disturbi dermatologici, irritazione della pelle, arrossamento del volto
  • disturbi muscolo-scheletrici, dolori muscolari, sensazione di costrizione o di oppressione toracica
  • disturbi centrali, torpore, formicolii, sonnolenza, sensazione generalizzata di caldo/freddo

Gli effetti indesiderati (effetti collaterali), di solito, sono transitori e di lieve intensità: raramente, infatti, rendono necessaria la sospensione del trattamento.

Controindicazioni

Tutti i triptani sono controindicati nelle persone con:

  • malattia ischemica (da carenza di sangue) del cuore
  • angina di Prinzmetal (sindrome abbastanza rara che si presenta con dolore al petto e non è generalmente associata ad aterosclerosi)
  • vasospasmo coronarico
  • arteriopatia periferica
  • malattia cerebrovascolare
  • insufficienza renale
  • insufficienza epatica (del fegato)

Dato che a seguito della loro assunzione si rileva un lieve rialzo della pressione del sangue, il loro uso non è raccomandato in caso di ipertensione, soprattutto se non tenuta sotto controllo da una terapia antipertensiva. Durante la gravidanza e l'allattamento la prescrizione di triptani richiede un'attenta valutazione dei rischi potenziali per la madre e per il bambino: di solito è sconsigliata sebbene non vi sia un'evidenza di possibili danni al feto (effetto teratogeno).

Prima di prendere i triptani, come ogni altro farmaco, è importante seguire sempre le indicazioni del medico.

I triptani non sono consigliati nei bambini di età inferiore ai 12 anni e nelle persone di età superiore ai 65 anni.

Interazioni con altri farmaci

I triptani possono interagire con altri farmaci, producendo effetti diversi da quelli attesi. Pertanto, è sempre necessario chiedere indicazioni al medico curante, soprattutto se si fa uso di farmaci per il trattamento di altri disturbi, e consultare le informazioni presenti nel foglietto illustrativo presente nella confezione del medicinale.

Bibliografia

NHS. Migraine. Treatment (Inglese)

NHS, GOSH (Great Ormond Street Hospital). Triptans migraine and headache (Inglese)

Patient. Migraine medication, treatment and prevention (Inglese)

Prossimo aggiornamento: 05 Febbraio 2022

1 1 1 1 1