Introduzione

Volvolo

Il volvolo è un termine medico, che descrive la torsione dell'intestino su una struttura, chiamata mesentere, che collega l'intestino con l'addome, tenendolo saldamente ancorato al suo posto.

La conseguenza della torsione è un restringimento dell'intestino nel punto di rotazione e la compressione dei vasi sanguigni che lo nutrono. Per causare la compressione o l'ostruzione del vaso sanguigno, la forza esercitata dalla torsione deve essere maggiore della pressione sanguigna presente all'interno del vaso. Il primo vaso sanguigno a essere interessato dal volvolo è la vena.

Se non si interviene chirurgicamente sulla torsione, possono verificarsi un'ischemia venosa (ostruzione che impedisce al sangue di proseguire lungo la vena e ne causa il ritorno nei vasi di provenienza) o una perforazione dell'intestino.

Il volvolo è, quindi, un'emergenza medica che necessita di un intervento chirurgico urgente per evitare che le parti dell'intestino prive di un sufficiente apporto di sangue si danneggino irreparabilmente (necrosi).

Il volvolo dell'intestino tenue si verifica, di solito, nei neonati e nei bambini, mentre è raro negli adulti. In questi ultimi il volvolo tende a presentarsi nel colon (volvolo del sigma o sigmoideo) e nell'intestino cieco. Una torsione simile a quella dell'intestino può verificarsi anche nello stomaco, ed è chiamato volvolo gastrico. L'accertamento (diagnosi) del volvolo è eseguito attraverso radiografia e tomografia computerizzata.

Sintomi

Le persone colpite dal volvolo, di solito, si recano subito al pronto soccorso perché le manifestazioni cliniche (sintomi) compaiono in modo improvviso e grave.

Essi includono:

Nei neonati possono comparire segnali e disturbi aggiuntivi che comprendono:

  • attacchi di pianto improvvisi
  • rannicchiare le gambe verso il torace (movimento che dà sollievo al dolore)
  • sonnolenza
  • respiro e battito cardiaco veloci

Talvolta, un bambino può presentare i sintomi del volvolo solo in alcuni momenti e in altri sembrare non sofferente. In questi casi, potrebbe soffrire di un volvolo intermittente, condizione in cui i disturbi si presentano periodicamente, scompaiono da soli e poi si ripresentano successivamente.

Cause

La principale causa del volvolo nei bambini è la malrotazione dell'intestino. Si tratta di un problema presente alla nascita (congenito) causato da un difetto di rotazione e fissazione dell'intestino durante lo sviluppo fetale. Il volvolo conseguente a una malrotazione si verifica quasi sempre nei primissimi mesi di vita del bambino e in egual misura nei maschi e nelle femmine. Alcune persone con malrotazione dell'intestino possono non presentare manifestazioni cliniche per tutta la loro vita; altre, potrebbero averne durante l'adolescenza o l'età adulta.

Altre cause meno comuni del volvolo sono:

  • colon più lungo del normale
  • morbo di Hirschsprung, un'anomalia dell'innervazione del colon presente alla nascita
  • gravidanza
  • aderenze addominali, in particolare a seguito di un intervento chirurgico
  • stitichezza cronica
  • malattie del sistema nervoso
  • diabete

Il volvolo del sigma e dell'intestino cieco si presenta soprattutto nelle persone di età compresa tra i 30 e i 70 anni e, in particolare, in persone di sesso maschile.

Diagnosi

Il rapido accertamento (diagnosi) del volvolo consente di eseguire le terapie con maggiori probabilità di successo e di ottenere i migliori risultati. Per accertare il volvolo il medico si informa sullo stato di salute della persona nel tempo (anamnesi) ed effettua la visita medica.

Potrebbe anche richiedere delle indagini che comprendono:

  • esami del sangue
  • ricerca di sangue non visibile ad occhio nudo (occulto) nelle feci
  • radiografia dell’addome, se c’è un volvolo la radiografia dell'addome lo evidenzia senza difficoltà
  • TAC addominale, utile per studiare il grado di gravità di un volvolo, ma sconsigliata nei giovani
  • sigmoidoscopia flessibile, osservazione diretta con uno strumento endoscopico del tratto di intestino chiamato sigma

Terapia

Il volvolo richiede una cura immediata e, quasi sempre, un intervento chirurgico. La scelta di non operare è effettuata in caso di lieve torsione dell'intestino o di altri fattori quali l'età avanzata della persona o il suo stato di salute. Il trattamento conservativo consiste nella decompressione del colon attraverso manovre di riposizionamento dell'organo eseguite nel corso di una sigmoidoscopia o di una colonscopia. In generale, il volvolo e il blocco intestinale hanno più probabilità di ripetersi dopo un trattamento conservativo.

L'intervento chirurgico è scelto soprattutto in base alla gravità della torsione o nel caso in cui il trattamento conservativo non abbia avuto successo. Durante l'intervento, il chirurgo esegue una piccola incisione nella parete addominale, vicino al punto in cui si è verificata la torsione e riposiziona l'intestino nella posizione corretta. Subito dopo, ripristina la circolazione sanguigna nei tratti d'intestino in cui si era interrotta. Nel caso in cui una porzione d'intestino sia rimasta senza sangue troppo a lungo e si sia verificato, quindi, un blocco intestinale o una ischemia (morte della parte di intestino che non riceve più adeguati livelli di ossigeno), il chirurgo rimuove la parte danneggiata. Talvolta, il tratto d'intestino da eliminare è così esteso che è impossibile farne aderire le estremità. In questo caso, viene creata un'apertura nella parete addominale, detta stomia.

Complicazioni

Un volvolo può mettere a rischio la vita se non curato con rapidità o può causare complicazioni che includono:

  • grave infezione del sangue (sepsi)
  • sindrome dell’intestino corto, condizione che determina malassorbimento come conseguenza di un'ampia resezione chirurgica dell'intestino tenue per necrosi dell'organo conseguente al volvolo
  • infezione addominale, nota come peritonite secondaria

Il tasso di mortalità è del 30-40% nelle persone in cui il volvolo dell'intestino cieco non sia trattato rapidamente. Quindi, più il trattamento è veloce, maggiori sono le possibilità che il volvolo si risolva positivamente.

Prossimo aggiornamento: 09 Febbraio 2023

1 1 1 1 1