Introduzione

Trapianto di pelle

Il trapianto di pelle (di epidermide o di derma) è tecnicamente considerato un innesto: una parte di pelle (cute) di un donatore viene completamente distaccata dalla sua sede di origine e utilizzata per coprire l’area di un’altra persona denominata “ricevente”.

Quando il donatore e il ricevente del tessuto cutaneo sono la stessa persona l’innesto è denominato autologo; si parla di innesti omologhi se prelevati da un donatore appartenente alla stessa specie del ricevente o di innesti eterologhi se prelevati da un donatore di specie diversa.

Gli innesti autologhi sono in grado di attecchire completamente; mentre negli innesti omologhi e – in minor misura – negli eterologhi il derma (parte più profonda della cute) può attecchire con più facilità mentre l’epidermide (parte più superficiale della cute) ha un rischio maggiore di essere rigettata.

Quando è necessario il trapianto

Il trapianto di pelle può essere necessario in diverse condizioni che includono:

  • ustioni gravi ed estese, in questi casi è una terapia salvavita
  • ulcere di vaste dimensioni, con possibilità di integrazione del derma omologo
  • epidermolisi bollosa
  • ustioni di piccole dimensioni, in zone delicate come il volto o le mani
  • ulcere di vaste dimensioni
  • sindrome di Lyell
  • pioderma gangrenoso
  • decubiti
  • ferite post-traumatiche, come ad esempio lo strappamento del cuoio capelluto, amputazioni, ecc.
  • perdite di sostanze non dermatologiche, come ad esempio perforazione del setto nasale, ricostruzioni delle parti molli della bocca (stomatologiche), chirurgia ricostruttiva e plastica post-oncologica , talvolta necessaria dopo interventi di rimozione di tumori

Provenienza dei tessuti: donazione da cadavere

La pelle (cute) è prelevata da donatori morti; lo strato di pelle asportato è sottile (circa 400-800 micron di spessore) e appartiene solitamente ad aree non visibili.

Non possono essere prelevati tessuti cutanei da donatori morti per tumori, infezioni in atto e malattie degenerative del sistema nervoso centrale.

Dopo attenti controlli (screening) del donatore, il prelievo viene effettuato in sala operatoria da personale medico addestrato.

Si può diventare donatori di cute praticamente a ogni età.

Le banche dei tessuti

Una volta prelevata, la pelle (tessuto cutaneo) viene inserita in contenitori sterili, refrigerati e viene inviata alla banca della pelle, struttura dove i tessuti sono trattati e conservati.

In Italia le banche della pelle autorizzate sono 5, tutte pubbliche e si trovano a:

  • Milano
  • Torino
  • Verona
  • Cesena
  • Siena

La cute può essere criopresevata, criocongelata (con mantenimento a vario grado della vitalità cellulare) oppure glicerolizzata. La cute cioè, a seconda dell’utilizzo per cui è destinata, viene conservata, dopo specifiche lavorazioni, con metodi e temperature diversi al fine di mantenerne le caratteristiche qualitative.

Presso le banche della pelle si conservano anche le cosiddette matrici dermiche, vale a dire il derma privato dell’epidermide (Derma de-epidermizzato – DED o derma) o anche delle cellule (decellularizzato). Le matrici dermiche possono essere impiegate come struttura guida (scaffold) o nella ricostruzione delle perdite di sostanza dermica o in chirurgia generale e post-oncologica.

1 1 1 1 1