Introduzione

Atrofia vaginale

L'atrofia vaginale (vaginite atrofica) è dovuta a un assottigliamento e a fenomeni di secchezza e infiammazione delle pareti della vagina che interessa per lo più le donne in menopausa, a causa di una ridotta produzione dei livelli di estrogeno.

In molti casi questo disturbo provoca dolore durante i rapporti sessuali e disturbi dell'apparato urinario; proprio a motivo della stretta analogia di sintomi tra i disturbi della vagina e del sistema urinario (due apparati strettamente collegati), l'atrofia vaginale rientra nella sintomatologia tipica della sindrome genito-urinaria della menopausa (GSM).

Sintomi

I sintomi sono i seguenti, con intensità variabile:

  • secchezza vaginale
  • bruciore vaginale
  • perdite vaginali
  • prurito nelle parti intime
  • bruciore al momento di urinare
  • urgenza di urinare
  • presenza di altre infezioni del tratto urinario
  • incontinenza urinaria
  • leggero sanguinamento durante i rapporti sessuali
  • sensazione di disagio durante i rapporti sessuali
  • ridotta lubrificazione della vagina
  • riduzione e restringimento del canale vaginale

In presenza di questi sintomi, molte donne si mostrano rassegnate oppure provano imbarazzo a parlarne con il medico; è il caso invece di rivolgersi al ginecologo se non si risolve con prodotti lubrificanti da applicare localmente.

Cause

La ridotta produzione di estrogeno modifica il tessuto vaginale rendendolo più sottile e meno elastico e dà origine alla secchezza vaginale.

L'abbassamento dei livelli di estrogeno si verifica:

  • dopo l’entrata in menopausa
  • nel periodo che precede la menopausa
  • a seguito di un intervento chirurgico di rimozione delle ovaie (menopausa chirurgica)
  • a seguito di radioterapia in area pelvica a causa di un tumore
  • a seguito di terapia farmacologica a causa di un tumore
  • come effetto collaterale di un trattamento ormonale a seguito di un tumore al seno

Anche se la sindrome genito-urinaria della menopausa (GSM) rappresenta un disturbo diffuso che interessa le donne in menopausa, una attività sessuale regolare può contribuire a mantenere elastico e lubrificato il tessuto vaginale.

Fattori di rischio

  • abitudine al fumo, il fumo di sigaretta interferisce con la circolazione del sangue riducendo l'ossigenazione dei tessuti e gli effetti della naturale produzione di estrogeno da parte dell'organismo; inoltre il fumo è causa di menopausa precoce
  • parto non naturale (che non avviene per via vaginale), è stato osservato che le donne che non hanno avuto parti naturali hanno maggiore probabilità di sviluppare la GSM
  • assenza di attività sessuale, l'attività sessuale fa aumentare il flusso sanguigno e rende più elastico il tessuto vaginale

Diagnosi

Le tecniche di diagnosi prevedono:

  • esame pelvico, un'indagine che prevede da parte del medico la palpazione degli organi pelvici e dei genitali esterni (vagina e cervice uterina) per rilevare eventuali prolassi, come sporgenze o protrusioni nelle pareti della vagina derivanti da cedimenti della vescica del tratto di intestino retto, oppure estensioni del tessuto che sorregge l'utero
  • analisi delle urine, nel caso di sintomi che si sviluppano nel tratto urinario
  • misurazione del pH vaginale, attraverso un prelievo di fluido vaginale o l'applicazione di un indicatore (una striscia di carta) nella vagina per saggiarne il grado di acidità

Terapia

In presenza di sindrome genito-urinaria della menopausa (GSM), il medico può indicare l'uso dei seguenti prodotti da banco:

  • crema idratante da applicare ogni 2 o 3 giorni per ripristinare il grado di lubrificazione dell'area vaginale, in modo da avere effetti più duraturi rispetto ai risultati che si ottengono con un prodotto lubrificante
  • prodotto lubrificante a base di acqua per ridurre gli inconvenienti durante i rapporti sessuali. Evitare di utilizzare prodotti a base di glicerina, in quanto chi è allergico a questa sostanza può sviluppare forme di bruciore o irritazione, o gel a base di derivati del petrolio se si fa uso di profilattici, in quanto il lattice si può rompere se viene a contatto con questo tipo di prodotti

Se non si notano miglioramenti, si può provare a risolvere con:

  • estrogeno da applicare localmente (nella vagina), ha il vantaggio di essere efficace a basse dosi e di alleviare meglio i sintomi rispetto ad un prodotto a base di estrogeni assunto per bocca
  • estrogeno assunto per bocca, si distribuisce per tutto l'organismo, ma deve essere il medico a valutare i pro e i contro di questo genere di prodotti

Estrogeno applicato per via locale

Si tratta di una terapia che prevede varie modalità di assunzione:

  • crema vaginale a base di estrogeno, da applicare quotidianamente (da una settimana fino a un massimo di tre settimane e poi da una fino a tre volte alla settimana), direttamente in vagina per mezzo di un applicatore, nelle dosi indicate dal medico e di solito prima di coricarsi
  • anello vaginale che rilascia estrogeno, in materiale morbido e flessibile, viene applicato dal medico nella parte superiore della vagina e va rimosso dopo tre mesi (una dose maggiore di estrogeno rilasciato costituisce un trattamento di tipo sistemico piuttosto che locale)
  • compresse vaginali a base di estrogeno, si posizionano in vagina mediante un applicatore monouso, osservando la frequenza indicata dal medico, ad esempio quotidianamente per le prime 2 settimane e poi due volte a settimana

Terapia sistemica a base di estrogeno

In caso di secchezza vaginale associata ad altri sintomi della menopausa come vampate di calore più o meno intense, il medico può prescrivere pillole, cerotti o prodotti in gel a base di estrogeno o prevedere l'applicazione di anelli che rilasciano dosi consistenti di estrogeno. Se non si è subita l'asportazione dell'utero (isterectomia), oltre alle dosi di estrogeno il medico può prescrivere prodotti progestinici. In genere si preferisce il progesterone assunto per bocca che è l'equivalente chimico di quello prodotto dall'organismo, anche se esistono cerotti a base di estrogeno e progesterone. Per le donne che non hanno più l'utero, può essere usato anche solo l'estrogeno; sarà comunque il medico a stabilire il trattamento ormonale più indicato, anche in base alla storia clinica della paziente.

Altre terapie

Grazie alla ricerca si sta lavorando per lo sviluppo di terapie a base di minori quantità di estrogeno per evitare il rischio tumore al seno o dell'endometrio. Nel caso di donne colpite da un tumore al seno, il medico può indicare i seguenti trattamenti:

  • terapie non a base di ormoni, basate soprattutto sull'utilizzo di prodotti idratanti o lubrificanti
  • estrogeni per via vaginale che il medico (con il consulto dell'oncologo) potrà prescrivere a basse dosi, qualora i trattamenti non ormonali non avessero dato esito; permane tuttavia il rischio che una terapia a base di estrogeni per via vaginale possa causare una recidiva del tumore al seno, soprattutto in caso di allergia ai prodotti a base di ormoni
  • terapia sistemica a base di estrogeni, terapia in genere non consigliata nel caso di allergia ai prodotti a base di ormoni

Prevenzione

Stili di vita e rimedi

Nel caso di secchezza vaginale o irritazione, può essere utile:

  • provare prodotti da banco ad azione idratante, in modo da ripristinare l'idratazione locale
  • provare prodotti da banco ad azione lubrificante, per ridurre il disagio durante i rapporti sessuali
  • concedersi tempo durante i rapporti sessuali, in modo che l'area vaginale riesca a lubrificarsi così da attenuare i sintomi di secchezza o bruciore

Medicina alternativa

Esistono trattamenti riconducibili alla medicina complementare, indicati per affrontare i problemi di secchezza e irritazione vaginale propri della menopausa, ma solo pochi di essi sono supportati da risultati di studi clinici; sono ancora oggetto di studio, infatti, i rischi e gli effetti favorevoli di trattamenti della sindrome genito-urinaria della menopausa (GSM) con metodi alternativi. Occorre quindi valutare sempre con il proprio medico di famiglia l'opportunità di assumere integratori alimentari a base di estratti vegetali per agire sui sintomi legati alla menopausa, anche in considerazione di terapie in corso con altri farmaci.

Bibliografia

Mayo clinic. Vaginal atrophy (Inglese)

Naumova I, Castelo-Branco C. Current treatment options for postmenopausal vaginal atrophy. International Journal of Women's Health. 2018 (10): 387-95

Hodges AL, Holland AC, Dehn B, Pace DT Diagnosis and Treatment of Genitourinary Syndrome of Menopause [Sintesi]. Nursing for Women's Health. 2018; 22(5): 423-30

Prossimo aggiornamento: 28 Maggio 2022

1 1 1 1 1