Introduzione

Streptococco di gruppo B

Lo streptococco di gruppo B (GBS) è uno dei molti batteri presenti all’interno dell’organismo dove, normalmente, non causa alcun tipo di problema. La persona che “ospita” il GBS senza avere disturbi (sintomi) causati dalla sua presenza, è indicata con il termine portatore di GBS o colonizzato da GBS.

È stato stimato che circa una donna gravida su 3 sia portatrice o colonizzata da GBS nel tratto gastro-intestinale e/o genito-urinario.

Donne portatrici di GBS possono avere bambini perfettamente sani. Tuttavia, la presenza del batterio nella donna durante la gravidanza è un fattore di rischio per il neonato poiché potrebbe provocare polmonite, meningite, infezioni diffuse a tutto il corpo (sepsi), morte.

Circa 80% delle infezioni estese a tutto l’organismo (sepsi) che si verificano nei neonati è dovuta alla trasmissione del GBS dalla mamma al bambino durante il travaglio e il parto.

Il test

L’esame (test) per GBS va eseguito tra la 35° e la 37° settimana di gestazione. Consiste nel prelevare delle secrezioni a livello della vagina e del retto (tampone vagino-rettale), con un tampone simile a un cotton fioc. Poiché la presenza di GBS può essere intermittente o transitoria, è importante che il prelievo sia effettuato nell’intervallo di tempo indicato; se il test è eseguito più di 5 settimane prima del parto, infatti, risulta di scarsa utilità.

La presenza di GBS si verifica mediante l’analisi colturale del tampone vagino-rettale. L’esame colturale consiste nella “semina” del materiale prelevato in terreni speciali che consentano la crescita dei batteri.

Risultati

Il risultato dell’esame colturale del tampone vagino-rettale, fornisce una importante informazione al ginecologo che, in base alle linee guida italiane, potrà prescrivere, o meno, una terapia antibiotica preventiva (profilassi antibiotica) durante il parto.

Se il tampone vagino-rettale non è stato eseguito, oppure è stato eseguito al di fuori del periodo raccomandato, la profilassi antibiotica potrebbe essere comunque effettuata in presenza di alcune condizioni:

  • parto prima del termine (età gestazionale inferiore alla 37° settimana)
  • febbre nella mamma (> 38°C)
  • prolungata rottura delle membrane (>18 ore)
  • precedente figlio con infezione neonatale
  • infezione urinaria da GBS durante la gravidanza

1 1 1 1 1