I bambini che ricevono il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia, preparato con virus vivi attenuati, possono diventare fonti di contagio

Dopo essere stato vaccinato contro morbillo, rosolia e parotite, il bambino non trasmette questi virus alle persone con cui viene a contatto.

Il virus vivo attenuato contenuto nei vaccini mantiene le caratteristiche del virus originale ma è reso “debole”, vale a dire è privato dell’aggressività del virus naturale. In questo modo, il virus vaccinale, dopo la sua somministrazione, mima una infezione senza disturbi (sintomi) o molto leggera permettendo che il bambino sviluppi anticorpi e, quindi, sia protetto dalla malattia che, se provocata dal virus naturale, potrebbe essere molto aggressiva.
Un vaccino preparato con virus vivi attenuati è quello contro il morbillo, la parotite e la rosolia (vaccino MPR).
Studi scientifici hanno evidenziato che, circa 7-28 giorni dopo la vaccinazione, alcuni bambini potevano presentare nella gola il virus della rosolia o del morbillo (1, 2). Tale dato può risultare allarmante ed è stato utilizzato in modo improprio per affermare che i bambini vaccinati possano essere fonte di contagio. Ciò non è vero; il virus vivo attenuato deve replicarsi nel bambino per stimolare una risposta immunitaria ma non esiste alcuna evidenza scientifica che abbia “la forza” di trasmettersi ad altri. In decenni di studio, non è stato riportato un solo caso di infezione interumana da parte dei virus contenuti nel vaccino MPR (3). Il bambino vaccinato con MPR non è quindi una fonte di contagio, né subito dopo la vaccinazione né qualche settimana dopo. L'unico dato certo è che le infezioni causate dai virus naturali sono molto contagiose e molto più aggressive: la probabilità di una encefalite come evento avverso dopo vaccinazione contro il morbillo è dell’ordine di un caso su tre milioni di dosi; quella di sviluppare encefalite a seguito di una infezione naturale da morbillo è 1 su 1000 casi (4).

1. Rubella Prevention - Recommendations of the Immunization Practices Advisory Committee (ACIP). MMWR. 1990 November 23; 39(RR15): 1-18

2. Morfin F, Beguin A, Lina B, Thouvenot D. Detection of measles vaccine in the throat of a vaccinated child. Vaccine. 2002; 20(11-12): 1541-3 

3. Greenwood KP, Hafiz R, Ware RS, Lambert SB. A systematic review of human-to-human transmission of measles vaccine virus. Vaccine. 2016; 34(23): 2531-2536

4. EpiCentro (ISS). Morbillo