Il ciclo mestruale si sincronizza tra donne che vivono a stretto contatto

Erroneamente si pensa che una lunga convivenza tra donne in una stessa famiglia, abitazione o luogo di lavoro, possa far coincidere l’arrivo delle mestruazioni nei medesimi giorni.

Non posso fare il bagno perché ho le mestruazioni!

Si tratta di una falsa credenza, piuttosto diffusa specialmente tra le giovani donne, nata dall’idea che durante il flusso mestruale l’acqua abbia un’influenza negativa sul corpo femminile.

Allattare fa male alla vista: chi soffre di miopia farebbe meglio ad evitare di allattare per non peggiorare il problema

Molte donne temono che l’allattamento al seno faccia diminuire la vista o peggiori la miopia, ma non è così: si possono verificare soltanto delle lievi variazioni transitorie nella capacità visiva. L’allattamento non causa abbassamenti dell’acuità visiva e la miopia non è una controindicazione per l’allattamento (1)!

L'età femminile non incide più di tanto sulla fertilità

I casi recenti di gravidanze portate a buon fine in età avanzate hanno creato la credenza errata che si possa concepire oltre i 50 anni. In realtà, si tratta di casi eccezionali perché proprio l’età è il fattore prevalente nel determinare la fertilità femminile.

Se sei incinta non puoi fare il bagno al mare

Non esistono controindicazioni ad un’attività fisica come il nuoto durante la gravidanza, anzi è stato dimostrato in più studi che l’attività fisica durante questo periodo, se effettuata in modo corretto, ha effetti positivi sia sulla salute della mamma che su quella del nascituro.

Se hai fatto il taglio cesareo non potrai più fare gli addominali altrimenti si “scuce” la ferita

Il Collegio Americano di Ostetricia e Ginecologia raccomanda alle donne che hanno partorito di riprendere l'attività fisica gradualmente e quando si sentono pronte (1). Per le donne che hanno effettuato un taglio cesareo è necessario aspettare almeno 6 settimane, ovvero il tempo medio di guarigione della ferita se non ci sono state ulteriori complicazioni (ad esempio infezione della ferita) (2).

Se allatti non puoi rimanere incinta

Il mancato uso di metodi anticoncezionali comporta la possibilità di una gravidanza, anche durante l’allattamento. È, comunque, vero che in questa fase si riduce tale possibilità, ma non si azzera (1).

La birra fa produrre più latte

Se bevo birra non è vero che produco più latte! Alcuni studi, infatti, dimostrano che il luppolo e il malto contenuto nella birra non hanno l’effetto di aumentare la produzione del latte nella donna (1). Dopo il parto, la montata lattea accade fisiologicamente, mentre il mantenimento della produzione di latte si ha soprattutto in risposta alla suzione del bambino. Allattare il piccolo con frequenza e regolarità in risposta alle sue necessità, senza seguire orari dittatoriali, è il miglior modo di mantenere una buona produzione di latte. Non esistono alimenti presunti induttori della produzione di latte.

Durante la gravidanza devi mangiare per due!

L’alimentazione ha una diretta influenza sulla salute della gestante, sull’andamento della gravidanza e sullo stato di nutrizione del neonato. Pertanto, durante la gravidanza la mamma deve condurre una dieta sana ed equilibrata e non deve eccedere nelle quantità (1).

Quando nasce un bambino la mamma è sempre felice

Il periodo dopo il parto è caratterizzato da importanti cambiamenti fisici e da sbalzi ormonali che possono influire sull’umore e sulla salute della neomamma. Inoltre, anche la fatica del parto e dell’organizzazione al rientro a casa possono influenzare il suo stato d’animo. Pertanto, può capitare di sentirsi un po’ “giù” (1).

Non preoccuparti di ciò che mangi quando allatti, tanto nel latte non passa nulla

Il periodo dell'allattamento è particolarmente critico dal punto di vista alimentare perché la dieta incide in modo sostanziale sulla salute di mamma e bambino. Durante l'allattamento è essenziale assicurare al proprio figlio energia e nutrienti necessari per mantenerlo in buona salute evitando alimenti a rischio (1, 2)!

Durante l'allattamento non si può fare sport

Lo sport non è vietato durante l’allattamento, sono altre le vere controindicazioni (1)! Non bisogna, però, esagerare per non affaticarsi troppo.

Latte artificiale e latte materno sono equivalenti

Il latte materno rappresenta il miglior alimento per i neonati perché contiene tutti i nutrienti di cui hanno bisogno nella prima fase della loro vita come, per esempio, alcuni acidi grassi polinsaturi, proteine e ferro assimilabile. Inoltre, contiene anche sostanze bioattive e immunologiche che non si trovano nei sostituti artificiali e che, invece, sono fondamentali sia per proteggere il bambino da eventuali infezioni batteriche e virali, sia per favorire lo sviluppo intestinale (1). Solo tu, con il tuo latte, puoi fornirle!

Durante la gravidanza e l'allattamento non si possono assumere farmaci

I farmaci (ma non tutti!) possono avere effetti dannosi in gravidanza e durante l’allattamento. È per questo che, soprattutto in queste “situazioni”, devono essere assunti solo quando necessario e sotto prescrizione e controllo medico (1).

Se soffri di una malattia cronica non potrai mai avere figli

Avere una malattia cronica non impedisce ad una donna di avere una gravidanza sicura per lei e per il bambino. La cosa importante da fare, però, è consultare il proprio medico prima di iniziare la gravidanza in modo da individuare il trattamento migliore atto a controllare la malattia con il minor rischio per lo sviluppo del bambino (1)(Video)

Se contrai una malattia infettiva in gravidanza è la fine!

Contrarre alcune malattie infettive in gravidanza può comportare dei rischi per il nascituro, ma le mamme possono prendere le dovute precauzioni ancor prima di rimanere incinte!

Durante la gravidanza devi fare attenzione a molte cose… ma non serve farlo prima!

Entro le prime 10 settimane di gravidanza l’organismo del bambino si è già formato ed è tardi per prevenire eventuali difetti congeniti! Pertanto, si deve pensare al proprio figlio già prima del concepimento (1).

Il taglio cesareo è sempre la soluzione migliore perché non si soffre!

Negli ultimi anni, in Italia, si registra un eccessivo ricorso al taglio cesareo-TC (1) che, rispetto al parto vaginale, comporta maggiori rischi per la donna e per il bambino. Pertanto, il TC dovrebbe essere effettuato solo in presenza di indicazioni specifiche (2, 3).